Seguici su

tipicotipica twitter

tipicotipica facebook

tipicotipica youtube

tipicotipica google+



 

CENNO STORICO

L’Umbria fu abitata sia dalla popolazione italica degli Umbri, stanziati sulla riva sinistra del Tevere, sia dagli Etruschi, che invece occupavano la sponda opposta del fiume. Nel lll secolo a.C. la regione venne conquistata dai Romani i quali, per garantire i collegamenti tra Roma e l’Umbria, realizzarono la Via Flaminia, che da Roma giungeva fino a Foligno e da qui a Rimini.

umbriaantica

Dopo la fine dell’impero romano la regione conobbe le lotte tra Ostrogoti e Bizantini e, nel VI secolo, vide la fondazione del ducato longobardo di Spoleto mentre alcune città, come Perugia e Terni, rimasero ai Bizantini.

In seguito Carlo Magno conquistò i domini longobardi e li cedette al papa. Le città umbre però mantennero una certa autonomia: in età comunale Perugia fu tra le città che parteciparono alla lega organizzata dai comuni contro Federico II. La regione rimase sotto l’influenza dello Stato Pontificio fino alla fine del Settecento. Nel 1789-1799 fece parte della Repubblica romana per essere poi inglobata nell’ambito dell’impero napoleonico (1809-1814). Nel 1860, in seguito a un plebiscito, entrò a far parte del Regno d’Italia.

 

La protezione del Trasimeno

Il Trasimeno è un lago di origine tettonica, dai delicati equilibri ambientali, perché ha un bacino idrografico poco esteso, con piccoli immissari che lo alimentano e con acque poco profonde (da 3 a 6 metri). Per questo il livello delle sue acque dipende dalle piogge e quando si verificano lunghi periodi si siccità, il lago rischia di prosciugarsi, se le sue acque sono utilizzate per l’irrigazione Inoltre si sono verificati fenomeni di eutrofizzazione dovuti all’inquinamento. Nel 1995 e stato creato il Parco Regionale del Trasimeno con lo scopo di evitare il graduale restringimento del bacino lacustre, bloccando gli attingimenti delle sue acque, e di conservare e valorizzare l ambiente naturale del lago, con la sua ricca flora e fauna, le tre isolette situate al centro (La Polvere, La Maggiore e La Minore) e anche le testimonianze storiche e i villaggi di pescatori presenti lungo le sue sponde.