Seguici su

tipicotipica twitter

tipicotipica facebook

tipicotipica youtube

tipicotipica google+



 

CENNO STORICO

Abitata anticamente dagli Etruschi, stanziatisi nella regione circa un millennio a.C. nella Valle dell’Anno, nel V secolo a.C. la regione iniziò a passare sotto il dominio romano, durante il quale prospero grazie alla fondazione di numerose colonie e alla costruzione di imponenti opere pubbliche.

toscanalunigiana

Crollato l’impero, la regione divenne ducato longobardo e tornò all’antico splendore in età comunale. In questo periodo la Toscana, e in particolare Firenze, si arricchì notevolmente grazie alle attività commerciali e allo sviluppo dell’agricoltura. Ben presto Firenze estese la sua egemonia su tutta la regione, imponendosi anche dal punto di vista culturale sia in campo letterario (Dante, Boccaccio), che artistico (Giotto).

Nel 1434 la Toscana divenne Signoria dei Medici, sotto la cui dinastia visse un periodo di intenso fervore artistico (soprattutto con Lorenzo il Magnifico) e di importanza politica a livello europeo. Estintasi la dinastia medicea, il Granducato passò alla dinastia dei Lorena, fino al 1860 quando venne annessa al Piemonte, per entrare poi a far parte del Regno d’Italia.

 

La difesa del paesaggio toscano

Il territorio toscano, in particolare quello delle colline interne e quello delle zone pianeggianti della costa e della Maremma, ha non solo un grande valore economico per le attività agricole e turistiche che vi si svolgono, ma anche un valore ambientale e culturale in quanto costituisce uno dei passaggi più belli e rinomati del nostro paese. L’allarme per la difesa del paesaggio toscano è stato più volte lanciato in occasione di progetti edilizi o stradali che minacciano di danneggiare alcuni degli angoli più suggestivi della Toscana. E’ il caso della progettata autostrada Livorno-Civitavecchia, che dovrebbe tagliare la Maremma o, più recentemente, di un progetto urbanistico, bloccato in seguito a numerose proteste, che avrebbe dovuto far sorgere una serie di costruzioni a ridosso delle mura di Montichiello, un comune della Val d’Orcia (Siena) che l’Unesco ha dichiarato patrimonio dell’umanità.