Seguici su

tipicotipica twitter

tipicotipica facebook

tipicotipica youtube

tipicotipica google+



 

CENNO STORICO

Il Piemonte, abitato anticamente da Celti e Liguri, fu colonizzato dai Romani che vi fondarono città come Augusta Taurinorum (Torino). Nel medioevo i territori di Ivrea e Torino formarono una marca che nel secolo XI passò alla famiglia dei Savoia.piemonteanticacollegiata

Nei secoli successivi i Savoia unificarono e allargarono i loro domini piemontesi e nel secolo XVIII costituirono il Regno di Sardegna. Durante il Risorgimento il Piemonte guidò la lotta per l’indipendenza e l’unità d’Italia; una volta raggiunta l’unificazione nel 1861, Torino divenne per pochi anni capitale del nuovo regno. I Savoia sono stati sovrani fino al referendum del 1946 che ha dato vita all’attuale Repubblica italiana.

 

Una regione a rischio alluvioni

Il Piemonte è una regione a elevato rischio frane e alluvioni: più di mille comuni per una superficie di 3.000 km2, sono stati classificati a rischio idrogeologico. Una delle più disastrose alluvioni verificatasi, fu quella dei fiumi Bormida e Tanaro nell’anno 1994, che registro danni nelle province di Cuneo, Asti e Alessandria.

Non ultima da ricordare, dalla quale ci furono anche dei morti, che si abbatté nel 2000 investendo anche altre regioni del nord. Le cause principali di questo rischio sono la ripida pendenza dei fiumi che dalle montagne scendono sulla pianura, il disboscamento montano e il cementificare lungo le valli, che hanno inevitabilmente alterato l’ambiente fluviale.