Seguici su

tipicotipica twitter

tipicotipica facebook

tipicotipica youtube

tipicotipica google+



 

CENNO STORICO

Abitata anticamente dai Latini e dagli Etruschi stanziati a nord del Tevere, la regione dalla fondazione di Roma (753 a.C.) si unificò sempre di più intorno a quella città che in pochi secoli divenne il centro di un impero esteso  dapprima all’Italia, e poi al nord dell’Europa, in Africa e in Oriente.lazioanticaostia

Dopo il crollo dell’impero romano d’Occidente, con la guerra gotica (535-553 d.C.) e la conquista bizantina, il “ducato romano” divenne dominio dell’imperatore d’Oriente. Ma all’autorità di Roma si sostituì presto quella del papa, che nella regione aveva ampi possedimenti. Dalla metà del XVI secolo, la storia del Lazio coincise sostanzialmente con quella dello Stato della Chiesa. Dopo essere stata annessa alla Francia durante il periodo napoleonico, con la caduta di Napoleone I nel 1815 il Lazio tornò a far parte dello Stato pontificio. Nel 1870 la regione fu riunita al Regno d’Italia che concesse al papa il territorio del Vaticano.

Il mare tornerà nelle pianure bonificate del Lazio?

L’Agro Pontino, con la vicina Piana di Fondi, e una delle più vaste pianure costiere bonificate dell’Italia. L’attuale Agro, nei secoli passati, era una laguna chiusa da cordoni sabbiosi che col tempo si era trasformata in una vasta zona paludosa infestata dalla malaria. Le opere di bonifica, iniziate già in epoca rinascimentale, sono state realizzate compiutamente dal 1929 al 1936, quando furono prosciugati più di 800 kmq. di terre acquitrinose, trasformate in aree agricole, nelle quali furono fondate cittadine come Latina, Sabaudia, Pontinia, e 4.000 case coloniche. Solo una parte della pianura, che oggi comprende il Parco del Circeo e alcuni laghi costieri, ha conservato l’aspetto originario. Questa pianura bonificata, come altre pianure costiere poste a pochi metri di altitudine o sotto il livello del mare (la Laguna Veneta, il delta del Po, la Maremma, la Piana di Metaponto) nei prossimi decenni rischia di essere sommersa dall’innalzamento del mare dovuto al riscaldamento globale: un innalzamento che dovrebbe andare da un minimo di 30 cm a un massimo di un metro.