Seguici su

tipicotipica twitter

tipicotipica facebook

tipicotipica youtube

tipicotipica google+



 

CENNO STORICO

La regione fu conquistata dai Romani che vi fondarono le colonie di Forum Iulii (l’attuale Cividale) da cui deriva il nome di Friuli, e di Aquileia che divenne il principale centro economico e culturale di tutta la regione. Dopo la devastazione di Aquileia a opera degli Unni, la regione fu conquistata dai Longobardi che a Cividale crearono il loro primo ducato. Nel Medioevo Aquileia risorse e divenne il centro di un potente patriarcato, mentre il Friuli fu organizzato come marca del regno franco e poi dell’impero germanico. Nel secolo XV quasi tutta la regione, compresa l’Istria, entrò a far parte della Repubblica di Venezia che alla fine del Settecento la cedette all’impero austriaco.friuliveneziagiuliacastelli

Il Friuli venne annesso al Regno d’Italia nel 1866 dopo la terza guerra d’Indipendenza, mentre la Venezia Giulia (compresa l’Istria) fu acquisita dopo la prima guerra mondiale. Dopo la seconda guerra mondiale la Iugoslavia è entrata in possesso dell’Istria e di parte della Venezia Giulia, mentre Trieste e rimasta all’Italia dopo un breve periodo di occupazione internazionale. I confini tra Italia e Iugoslavia sono stati definiti nel 1975 con il Trattato di Osimo.

Il Carso un territorio da tutelare

Il Carso e un territorio ricco di caratteristiche morfologiche e naturali uniche nel nostro paese. All’interno della parte italiana del Carso e stata istituita una Riserva Naturale Regionale nella Val Rosandra, l’unica frattura valliva presente sull’Altopiano carsico. Il torrente omonimo che la percorre ha modellato cascatelle e particolari forme erosive come le “marmitte dei giganti” e ha scavato grotte che hanno un notevole interesse speleologico. Altre riserve sono state istituite sui monti Orsario e Lenaro. Purtroppo pero questo territorio, scarsamente protetto, e seriamente minacciato: circa 300 grotte naturali sono diventate discariche più o meno abusive riempite di ogni tipo di rifiuti, anche pericolosi, e di residuati bellici; altri aspetti naturali sono stati compromessi dalle costruzioni edilizie e stradali.